Aquafaba

L’ aquafaba è l’alternativa vegetale agli albumi montati a neve, una vera e propria rivoluzione per la pasticceria vegana! L’aquafaba non è altro che l’acqua di cottura dei ceci che viene montata a neve con l’aiuto delle fruste elettriche, proprio come per gli albumi. Ovviamente ci vogliono dei piccoli accorgimenti per fare in modo di ottenere una montata soda e spumosa. E’ consigliabile utilizzare acqua di ceci confezionati, perché maggiore è il contenuto di proteine rispetto all’acqua di cottura realizzata in casa. Prima di montare a neve l’acqua dei legumi è bene raffreddarla in frigorifero preventivamente, ancora meglio se decidiamo di raffreddare anche il contenitore che utilizzeremo per la montata. Per ottenere una schiuma soda degna di un albume, l’aquafaba deve essere montata per circa 15/20 minuti (ancora meglio con l’aggiunta di zucchero, se previsto in ricetta) e, a differenza dell’albume, non si rischia di smontare il composto se si eccede con le fruste. L’aquafaba, così come gli albumi, renderà più morbidi e leggeri gli impasti delle vostre torte; un vero e proprio sostituto dai mille utilizzi, basta armarsi di un po’ di tempo e pazienza! Di seguito il mio primo utilizzo dell’aquafaba e qualche piccolo accorgimento.

Ingredienti e utensili necessari:

  • un vasetto di ceci confezionati da 570 grammi
  • ciotola in plastica
  • fruste elettriche
  • colino in metallo

 

1)  Svuotare in un recipiente il barattolo dei ceci, filtrando l’acqua con un colino in metallo.

 

2)  Montare a neve soda per circa 15/20 minuti aggiungendo zucchero (meglio se a velo) se previsto in ricetta. Difficilmente si riesce a montare in planetaria una quantità di liquido così ridotta, per questo motivo ho scelto un contenitore in plastica alto e stretto, in modo tale da riuscire a montare in maniera uniforme e con più facilità utilizzando le fruste elettriche.

 

3) Una volta montata e bella soda l’aquafaba è pronta per essere utilizzata. Ricordate che con 2 cucchiai di aquafaba potete sostituire un uovo presente in ricetta.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*